Archivi categoria: Soluzioni

Link Roll #2 ~ JS Libraries, updates and extras

JS Libraries:
PeerJS – Simple peer-to-peer with WebRTC
PeerJS wraps the browser’s WebRTC implementation to provide a complete, configurable, and easy-to-use peer-to-peer connection API. Equipped with nothing but an ID, a peer can create a P2P data or media stream connection to a remote peer.

Vue.js 0.11 released! – vue.js

Flow is the JavaScript type checker I have been waiting for – sitr.us
IMO: Flow and React are a FaceBook view, which they doesn’t represent the daily complexity of the applications, but still type checker apparently is the way to bring in board more javascript programmer, which come from different languages. But still I don’t like the way to change the syntax of the original language.

Node.js Security Tips | via @codeship
Probably already well know, but still a good remark.

Some End to End testing investigation:
NightwatchJS Drag and Drop example

Interesting Reads:
Say no.
I’ve to face out some times with it, I think is interesting topic how the decision process is handled in companies.

NINJHAX – 3DS Homebrew Exploit
:-)

Talk whit cloud

Immagino il futuro tecnologico con il potere della voce. Dispositivi portatili che fanno processare grandi mole di dati a super computer.
Aspetta un attimo, è già esistente.

Quando si guardava Knight Rider2001: Odissea nello spazio oppure il più recente Moon (che consiglio di vedere), si pensa a un futuro fantascientifico; eppure progetti come Siri e Google Voice. Dimostrano che il futuro forse è più prossimo di quanto non lo immaginavamo.

Ma su i computer parlanti ne ha già parlato molto William Crossman, e sicuramente non avrei niente da aggiungere.

Forse il segreto sta nel rielaborare il concetto di sito web, non più fornitore di contenuto ma distributore di servizi. E’ forse da questo che cambia il successo di un’investimento sul web?

Immaginiamo per un attimo il sito di una pizzeria.

Un comune pizzaiolo quando intende investire sul web, si preoccupa soltanto che spuntino i dati essenziali, ovvero: numero di telefono, indirizzo, menu pizze.

Il visitatore che arriva alle tue pagine, caro pizzaiolo, era già un tuo cliente e l’investimento che hai fatto, ha solo offerto un servizio in più ai tuoi clienti.

Perché allora le pizzerie non hanno dei servizi per ordinare le pizze tramite: web, Facebook o con applicazioni mobile? Perché non sfruttare i dati ottenuti dai clienti (numeri di telefono, email), per lanciare campagne pubblicitarie più efficienti e meno costose? Perché non guadagnare un cliente per la sola curiosità di ordinare una pizza con un dispositivo portatile?

«Discorso diretto»

Mentre stavo scrivendo un discorso diretto che racchiudesse due interlocutori mi ritrovai difronte a un problema grafico.

La rappresentazione grafica più comune è  iniziare con il soggetto, seguito da due punti racchiudendo la sua frase tra le virgolette.

Carlo: “Cosa fai nella vita?”
Giulio: “Rincorro i miei sogni.”

Ma nel caso io non voglia specificare i soggetti, la rappresentazione grafica precedentemente non è idonea.
Le soluzioni sono svariate ma tra quelle che io mi ricordi una solo mi sembra la più valida; questa si ottiene inserendo le frasi utilizzate all’interno di due caporali (o sergenti).

«Cosa fai nella vita?» «Rincorro i miei sogni.»

In alternativa si potrebbe utilizzare i singoli apici o i doppi apici, che però non essendo utilizzati esclusivamente per discorsi diretti potrebbero creare confusione:

‘Cosa fai nella vita?’ ‘Rincorro i miei sogni.’
“Cosa fai nella vita?” “Rincorro i miei sogni.”

Un’altra nota importante è che il dialogo tra i due personaggi ignoti è al limite della comunicazione; se non c’è una domanda e una risposta o se questi non sono in qualche modo contestualizzati distanti, corre il rischio di diventare un discorso al singolare:

«Oggi c’è una bella giornata!» «Quasi, quasi andrei a mare»

Vorrei leggere un po di più sul discorso diretto e sulla sua rappresentazione grafica, magari cercherò un libro che mi delucidi bene la situazione, fino ad allora solo dubbi nell’utilizzare un metodo probabilmente, sbagliato.

Su Wikipedia puoi leggere una piccola descrizione del Discorso diretto e una bella pagina sulle Virgolette, la quale fa notare appunto la diminuzione dell’uso dei due caporali a causa del mancato tasto dedicato, sulle tastiere italiane.